Le foreste di Burgos e Badde Salighes


Un tour verso il silenzio dei boschi del Goceano (regione nota, in sardo, come Sa Costera)!

Dopo un breve tratto rettilineo, svoltiamo per Sant’Anna, costeggiando l’antico borgo di Zuradili, i cui abitanti si trasferirono per fondare l’attuale Marrubiu e ove sono presenti i ruderi di un antico impianto termale.

Superiamo quindi i borghi di SiapicciaOllastra, nella cui Chiesa di San Marco si trova una suggestiva cripta, quindi il villaggio abbandonato di Congius, ove è presente una chiesetta legata al culto bizantino di San Teodoro (Santu Eru).

Attraverseremo quindi Zerfaliu, centro noto per la produzione di vernaccia e nel cui parco comunale sorgono due nuraghi e una fonte sacra; raggiungiamo poi Tramatza, ove potremo ammirare un ponte romano, unico integro della provincia di Oristano e che, fino a pochi anni fa, ha lavorato egregiamente sopportando il traffico di autobuspesanti autocarri, e anche inondazioni che lo hanno più volte sommerso.

Visitiamo quindi Milis, grazioso centro abitato famoso in tutta la Sardegna per la produzione di agrumi, quindi Bonarcado e il suo antico santuario di Bonacattu, quindi il paese di Santu Lussurgiu, centro ricco di nuraghicascate (tappa obbligata sarà la cascata di Sos Molinos), boschi, un angusto centro storico  e  una terrazza panoramica dalla quale ammirare l’intero centro storico e la cornice di monti e boschi che li ricoprono.

Raggiunta l’incantevole frazione di San Leonardo de Siete Fuentes, nota per le sette fontane che alimentano un laghetto e il bosco con numerosi alberi secolari. Poco più avanti, in territorio di Scano di Montiferro, visitiamo le meravigliose sorgenti di S. Antioco, ove potremo ammirare anche rilassanti cascatelle e una vecchia e suggestiva colonia abbandonata. Accanto alla strada per San Leonardo, potremo anche visitare i notevoli nuraghi Elighe Onna Piricu, a due piani e conservante la camera del pianterreno, lo stupendo complesso nuragico di Tamuli, e l’incredibile monumento naturale di Sa Roda Manna, bosco quasi puro di agrifogli!

Transitiamo quindi a Semestene, minuscolo centro di 163 abitanti nella regione del Meilogu, quindi per Bonorva, nota per la produzione di tappetiarazzi e il pane tradizionale (su zichi).

Ormai prossimi alla meta, visitiamo l’affascinante centro abbandonato di Rebeccu, un tempo centro importante e oggi abitato da un solo abitante dal 2007. Sul villaggio si racconta una leggenda, nota come la maledizione delle trenta case (leggi qui per ulteriori informazioni!).

Superato lo stabilimento abbandonato dell’acqua Santa Lucia di Bonorva, nota per la sua naturale effervescenza, raggiungiamo la Foresta di Burgos.

Nella foresta si nascondono i resti del Centro di Allevamento Governativo, un villaggio fantasma spettrale nonostante l’accecante luce estiva. Tale centro costituiva un complesso militare dedicato all’allevamento e ammaestramento di cavalli per Polizia Carabinieri. Il centro fu istituito nel 1906, e lavorò per cinquant’anni, preparando gli animali agli scenari bellici, con particolare riferimento alle Guerre Mondiali. Il villaggio contava, all’apice del suo sviluppo, numerosi edifici, alcuni dei quali relativamente intatti.  Nella foresta, attualmente, si allevano attualmente l’asinello sardo e il pony sardo  Giarab, incrocio tra fattrici della Giara e stalloni arabi.

Accanto alla foresta, è presente un laghetto che, negli inverni più freddighiaccia!

Lasciata la foresta, visitiamo il paese di Burgos, ai piedi dell’omonimo castello. Tale castello, eretto nel dodicesimo secolo, è posto in cima a una rupe granitica;  è visibile a grande distanza, ed è composto da una triplice cinta muraria e da una torre maestra che supera i dieci metri d’altezza.

Dopo un passaggio nell’antico centro di Esporlatu, raggiungiamo la Foresta di Badde Salighes, ove è presente la Villa Piercy, appartenuta all’ingegnere inglese incaricato di progettaredirigere i lavori della rete ferroviaria della Sardegna. La villa, il suo giardino in stile inglese ricco di specie esotiche, e la xiloteca (raccolta di specie legnose) presenti sono attualmente fruibili al pubblico.

Potrai Visitare

  • La scrosciante cascata Sos Molinos di Santu Lussurgiu
  • Il caratteristico centro storico di Santu Lussurgiu e il suo punto panoramico
  • La suggestiva sorgente di Sant’Antioco e le sue cascatelleScano di Montiferro
  • Il monumento naturale Sa Roda MannaScano di Montiferro
  • La notevole necropoli di Sant’Andrea Priu, che racchiude venti domus de janas, di cui una con diciotto vani
  • villaggi abbandonati di Rebeccu e del Centro di Allevamento Governativo
  • Il maestoso castello del Goceano
  • La villa e il suo giardino inglese PiercyBadde Salighes
  •  L’affascinante atmosfera delle sette sorgenti a San Leonardo de Siete Fuentes
  • L’unico ponte romano integro della provincia di Oristano

Potrai assaggiare

  • dolci tipici del Goceano preparati a gennaio in onore di S. Antonio Abatesas tillicassas cozzulassas copulettas, un misto di semola, mosto cotto e scorza d’arancia
  • Su pane ‘e fresa, sfoglia a lunga conservazione consumata dai pastori durante la transumanza
  • Sos Zizzoneddos, gnocchi di semola conditi con ragù e Sas Origras de Padre, orecchiette di semola.
  • La carne di pecora bollita con su sambene e sas cordas, sanguinaccio e interiora di pecora
  • In certi periodi dell’anno, Su casu fattu, formaggio alterato dalla mosca (Piophila-casei L.)
  • Il vino bianco Arvesiniadu, vitigno antichissimo presente solo in Goceano

Mappa


Ricerca siti archeologici


Nuraghe
Domus de Janas
Dolmen
Tombe dei Giganti
Menhir
Villaggi
Culto delle Acque

- Mostra nomi sui punti

Meteo

nov 25, 2017 - sab
Badde Salighes, Italia
poche nuvole
17°C poche nuvole
Vento 11 m/s, S
Umidità 82%
Pressione 763.57 mmHg
Giorno Cond. Temp. Vento Umidità PressionePres.
sab nov 25
poche nuvole
21/9°C 4 m/s, SO 42% 727.78 mmHg
dom nov 26
cielo sereno
10/2°C 7 m/s, ONO 46% 728.66 mmHg
lun nov 27
nubi sparse
11/5°C 2 m/s, O 45% 732.03 mmHg
mar nov 28
pioggia leggera
13/7°C 3 m/s, OSO 53% 727.89 mmHg
mer nov 29
forte pioggia
18/10°C 10 m/s, SO - 733.04 mmHg

Profilo Altimetrico

Il percorso ha un dislivello di 1050  m. Il 51% del percorso è in salita, il restante 49% in discesa.

Le foreste di Burgos e Badde Salighes

Distanza (Km)
Altitudine (m)
Durata (h)

Vuoi unirti a noi?

Prenota ora!