fbpx

Equipaggiamento da viaggio per moto con trasmissione a catena

Probabilmente ci avete già pensato, eppure ciò di cui stiamo per parlarvi raramente è menzionato nella moltitudine di liste d’equipaggiamento ed attrezzature per motoviaggiatori presenti online.
Ebbene: se la vostra moto ha trasmissione finale a catena, noi abbiamo imparato che è saggio portar con sè una maglia di giunzione (o una catena, se avete spazio a sufficienza) e un utensile catena. Questo perché se per qualche ragione la vostra catena cedesse per un difetto, per negligenza (ovvero: siete già 2 cm oltre il punto massimo ammesso dall’indicatore usura catena, quando presente – vedi figura) o per forza maggiore, con una maglia di giunzione potrete ripartire. Fino al meccanico più vicino, sia chiaro!

Risultati immagini per honda replace chain

Catene: misure fondamentali

Come scegliere la maglia di giunzione? Si potrebbe pensare che sia sufficiente conoscere le misure della propria catena e dotarsi di una giunzione.
Come si identificano le catene? Con un codice numerico standard di tre cifre che esprime le due misure fondamentali di una catena, ovvero la lunghezza del passo (pitch in figura) e la larghezza interna della maglia. Di solito, questo valore è riportato nelle piastre esterne della catena. La prima cifra indica la lunghezza del passo (es. 520 -> 5 = passo 5/8 di pollice, 420 -> 4 = 1/2 pollice), le ultime due cifre identificano la larghezza interna della maglia, secondo la formula seguente:

larghezza = 1/80 di pollice * ultime due cifre del codice catena

Quindi 520 -> larghezza di 1/4 di pollice (6,35 mm), 525 = larghezza 5/16 di pollice (7,95 mm). Purtroppo però, catene di pari misura possono avere caratteristiche differenti. Riferendoci al Catalogo DID USA 2018, nella tabella specifiche catena potremo ad esempio rilevare che la catena 525VX (assai comune, con X-ring) ha un indice di vita (Chain Life Index) pari a 3.600 e una resistenza alla trazione (tensile strength) pari a 41 kN; la catena 525ZVM-X ha invece un indice di vita pari a 4.000 e una resistenza di trazione pari a 46.30 kN. Come è ottenuta questa maggiore resistenza? Agendo (anche) sullo spessore delle piastre (maggiore sulle ZVM-X) e sul diametro dei pin. Ad esempio, la catena 525NZ ha un diametro pin di 5,23 mm, la 525VX di 5,50 mm. Ancora, la catena ZVM-X ha pin di pari diametro alla VX ma di maggiore lunghezza, poiché le piastre della ZVM-X sono più spesse. Ciò che comporta? Comporta che è necessario dotarsi di una maglia di giunzione dello stesso modello della propria catena, per evitare incompatibilità o rischi di rotture.

Maglie di giunzione ed utensili catena

Le maglie di giunzione si trovano di tre tipi: con falsa maglia e piastra “lasca” (RJ in figura), ovvero inseribile senza attrezzi particolari; con falsa maglia e piastra inserita a pressione, che richiede l’uso di un utensile catena (FJ in figura); con chiusura a rivetto, il più sicuro ma che richiede un utensile capace di premere la piastra e di rivettare il pin (ZJ in figura).
E’ quindi sempre raccomandato portar con sé un utensile catena per rimuovere eventuali pin e inserire la piastra a pressione, pure se si utilizza una maglia di giunzione a clip (falsa maglia). Attenzione agli utensili catena spesso offerti in dotazione con i kit catena-corona-pignone: spesso sono di materiale scadente e richiedono un utilizzo accurato per evitare rotture all’utensile stesso.

Cause di allungamento e prevenzione

Perché la catena si allunga? Perché i pin si usurano, e basta che il loro diametro si assottigli di 0,2 mm perché la catena (ad esempio una 118 maglie) si allunghi di 0,2*118 = 2,3 cm. L’allungamento della catena oltre una certa misura di sicurezza comporta il fatto che i pin diventino così esili da non trattenere più le piastre, o da potersi fratturare con risultati potenzialmente catastrofici.


Riguardo la scelta della catena: DID prospetta, per le catene O-Ring, una durata di circa 16.000 km; in caso di catene X-ring, una durata fra 24.000 e 32.000 km. La catena va lubrificata ogni 500 km e dopo utilizzo in condizioni umide o critiche. I punti di lubrificazione, come da guida DID, sono i seguenti:

Scelta del grasso

Infine, un’ultima considerazione: se utilizzate maxi-enduro o comunque affrontate anche fuoristrada, pur se leggerissimo (strade bianche, ecc.), rammentate che c’è possibilità che le vostre estese e articolatissime ricerche sul miglior grasso da moto poi abbiano tralasciato una questione: che spesso i grassi racing ad altissime prestazioni e che vincono le prove d’usura, siano poi i peggiori nemici dei tracciati polverosi. Hanno grande adesività e se a contatto con la polvere creano un composto devastante per la catena. Per questo, noi raccomandiamo per gli usi…pastorali grasso off-road non adesivo (p. es.: Motul C3), a costo di ridurre gli intervalli di lubrificazione catena.

 

Le immagini sono tratte da hondarebelforum.com (indicatore usura catena) e  dal Catalogo DID Chain USA 2018

Leave a Reply

×

Ciao!

× Ciao, domande riguardo gli itinerari?