fbpx

Uso di cambio e frizione

Partenza a parte, su strada l’uso della frizione (anche su moto senza cambio elettronico) non è strettamente obbligatorio su moto con frizione a bagno d’olio, anche se occorre un po’ di accortezza nel cambio marcia, specialmente in scalata. 

In fuoristrada, invece, la gestione della frizione è indispensabile per gestire avanzamento, velocità, trazione. Specie sui pendii o quando il percorso si fa più tecnico.

La leva di comando va regolata di modo che la mano possa stare ben ancorata sul manubrio e che l’innesto-disinnesto possano comandarsi usando solo due dita, l’indice e il medio, senza sforzi e senza dover muovere altre parti della mano. Una volta che la regolazione è ottimale, è bene esercitarsi a gestire il punto di innesto della frizione, così da poterla controllare con dolcezza (o decisione, in certi casi) ogniqualvolta necessario. E in fuoristrada, il dover armeggiare con la frizione accade piuttosto di frequente.

 

Il cambio marcia, su strada e in fuoristrada, va effettuato con dolcezza, evitando strattoni. Questi possono far perdere trazione e sono dannosi per motore e trasmissione. In fuoristrada, tenendo lo sguardo proiettato sufficientemente avanti, è necessario imparare a scegliere con anticipo la marcia da impiegare: se ci si trova davanti un pendio molto ripido, ad esempio, sarà necessario scegliere una marcia bassa adeguata alla propria moto. La scelta del rapporto da adottare dipende dai rapporti di trasmissione, dall’architettura del motore, dal peso della moto, e da tante altre variabili. Il modo migliore per imparare a gestire il cambio in fuoristrada è certamente la pratica

A questo scopo, sia le attività di training maxi-enduro a calendario, sia gli incontri tecnici e divulgativi (come i workshop del Motorcycle Touring Fest) sono preziose per arricchire conoscenze e acquisire più esperienza pratica in sella, insieme.

Leave a Reply

×

Ciao!

× Ciao, domande riguardo gli itinerari?