Mototrekking del Medio Campidano


Dove dormire

B&B S’abba ‘e Su Mare

Un itinerario di due giorni dedicato al Medio Campidano, suddiviso fra escursioni, curve immerse fra le campagne selvagge e le sabbie dorate della costa ovest.

Dal punto di partenza. raggiungiamo Villacidro. Da lì, ci dirigiamo verso il Lago di Leni,  formato dall’omonima diga, per poi intraprendere una lunga strada ricca di tortuose curve che costeggiano l’invaso per tutta la sua superficie. Imbocchiamo quindi le indicazioni per il vivaio Forestale di Campu s’Isca e la Cantina Ferraris, e, percorso un breve tragitto, posteggiamo le moto per iniziare i trekking verso le sontuose cascate di Muru Mannu e Piscina Irgas.

La cascata di Muru Mannu, il cui nome significa in italiano “il grande muro”, è la cascata più alta della Sardegna! Dal punto di posteggio delle moto si dipartono numerosi sentieri escursionistici, fra i quali il sentiero CAI 109, di difficoltà media. Il sentiero, fra boschi di leccio e corbezzolo, costeggia per la maggior parte del tragitto il rio Cannisoni, fino a raggiungere l’imponente cascata, in territorio di Gonnosfanadiga e quasi al confine con Domusnovas e Villacidro. La cascata compie un salto di cento metri complessivi; l’ultimo salto è di ben 74 metri, su parete granitica liscia avente conformazione ad anfiteatro.

Oltre al trekking verso la cascata di Muru Mannu, potremo inoltre affrontare il trekking diretto alla bella cascata di Piscina Irgas.  Imbocchiamo il sentiero CAI 113 affrontando un percorso ascendente culminante su un punto panoramico, dal quale è possibile ammirare la cascata dall’alto. Scendiamo quindi verso il letto del fiume dove, costeggiando una serie di laghetti e piccole piscine d’acqua, potremo finalmente ammirare il salto di 40 m della cascata, ove spesso e volentieri esperti freeclimber affrontano la discesa  in mezzo all’acqua, conclusa con un tuffo finale sul laghetto.

Ritorniamo quindi a Villacidro, ove è possibile visitare, questa volta senza fatica, la cascata di Sa Spendula, facilmente raggiungibile e ubicata accanto al centro abitato. La cascata manifesta la sua massima bellezza nel periodo autunno-primaverile. Poco distante, è anche possibile raggiungere un punto panoramico dal quale godere di un’ampissima vista della pianura del Campidano e, volendo, da cui è possibile percorrere una passeggiata verso la Diga del Coghinas (da non confondere con il grande lago presso il comune di Oschiri).

Lasciamo poi Villacidro per raggiungere Gonnosfanadiga e, passando per le campagne, raggiungiamo Arbus. Da lì, volteggiando fra curve e tornanti, percorriamo la strada panoramica per Montevecchio, che consente di immergersi, in breve tempo, nei panorami minerari della zona. Poco distante da Montevecchio è quindi localizzato l’inizio del terzo trekking, diretto al monte Arcuentu.

L’Arcuentu rappresenta una fra le creste più riconoscibili e affascinanti della Sardegna. Il nome Arcuéntu deriva dal termine árku, in lingua sarda, indicante la sua forma ad arco. Nelle vicinanze del monte Arcuentu si trovano le miniere di Montevecchio ove, nella località “Sa Tanca”, è possibile imboccare il sentiero CAI 192,  lungo circa 7 km e denso di sterrati e panorami mozzafiato.

E’ inoltre possibile affrontare un percorso più breve, raggiungendo, attraverso la strada provinciale n°65, l’inizio del sentiero ai piedi della montagna. Tale sentiero consente di  ascendere i quattrocento metri di dislivello in pochi chilometri, così da raggiungere in poco tempo la sommità della montagna. Da lì, la vista panoramica spazia per trecentosessanta gradi. In giornate limpide, dall’Arcuentu è possibile ammirare, il Golfo di Oristano, le bellissime dune di Piscinas, e il castello di Monreale, a Sardara.

La sommità dell’Arcuentu si trova a una quota di altitudine di 785 m s.l.m. ed è formata prevalentemente da basalto; sono presenti tuttavia formazioni di tufo. Sulla cima, si trova inoltre un bosco secolare di lecci, ben quattro tipi di ginestre, e molte specie endemiche includenti il garofano e il cavolo di Sardegna. Lungo le pendici del monte regnano invece distese di lentisco, di olivastro e di ilatro sottile.

La fauna del monte Arcuentu è quella tipica della zona, includente, cervi, cinghiali, volpi e donnole; è presente anche il gatto selvatico; fra gli uccelli, sono comuni il pettirosso, i fringuelli e il picchio rosso. Fra i rapaci che spesso e volentieri volano al di sopra della cima, sono presenti l’aquila reale, lo  sparviero, la poiana e il falco pellegrino.

Oltre alla flora e alla fauna, in cima all’Arcuentu è anche possibile vedere i resti di un vecchio castello medievale, il cui primo documento menzionante lo stesso risale al 1164. Inoltre, per trent’anni, il noto (in Sardegna e in Italia) frate francescano Fra’ Lorenzo ha, per trent’anni del ventesimo secolo, soggiornato per un mese all’anno sulla sommità del monte. Lì, Fra’ Lorenzo trascorreva giornate di meditazione, oltre ad aver costruito una via crucis che dai piedi del monte  giunge fino alla cima.

Lasciato il monte Arcuentu, e ritornati alla base del monte, in poco tempo è possibile raggiungere il mare. Procediamo lungo la costa ovest per diversi chilometri, fino a incontrare le dune di Piscinas; da lì, guadando dei piccoli rigagnoli, raggiungiamo il villaggio minerario di Ingurtosu. Giunti ormai al termine dell’itinerario, ritorniamo infine ad Arbus affrontando curve che non lasceranno insoddisfatto nemmeno il mototurista più esigente.

Potrai visitare

  • Il lago di Leni e l’omonima diga
  • Le cascate di  Piscina Irgas e Muru Mannu (la più grande della Sardegna)
  • La cascata di Sa Spendula
  • La strada panoramica fra Arbus e Montevecchio
  • Il monte Arcuentu
  • Le dune di Piscinas
  • Il villaggio minerario di Ingurtosu

Potrai assaggiare

  • La birra artigianale di Montevecchio
  • L’agnello allo zafferano di Arbus
  • I maccheroni all’uovo pazzo
  • Is amarettus, dolci tipici di a base di mandorle

Mappa


Ricerca siti archeologici


Nuraghe
Domus de Janas
Dolmen
Tombe dei Giganti
Menhir
Villaggi
Culto delle Acque

- Mostra nomi sui punti

Meteo

dic 14, 2017 - gio
Villacidro, Italia
nubi sparse
15°C nubi sparse
Vento 5 m/s, O
Umidità 67%
Pressione 763.57 mmHg
Giorno Cond. Temp. Vento Umidità PressionePres.
gio dic 14
pioggia leggera
15/13°C 6 m/s, O 73% 745.74 mmHg
ven dic 15
pioggia moderata
13/8°C 6 m/s, OSO 99% 737.94 mmHg
sab dic 16
pioggia moderata
9/6°C 6 m/s, ONO 88% 738.45 mmHg
dom dic 17
pioggia leggera
10/3°C 2 m/s, NNO 68% 746.04 mmHg
lun dic 18
pioggia leggera
12/8°C 6 m/s, NNO - 764.6 mmHg

Profilo Altimetrico

Il percorso ha un dislivello di 666 m. Il 67% del percorso è in salita, il restante 33% in discesa.

Mototrekking del Medio Campidano

Distanza - Distance (Km)
Durata - Duration (giorni - days)
Altitudine - Altitude (m)

Vuoi unirti a noi?

Prenota ora!