Il complesso demaniale dei Sette Fratelli

Un tour alla scoperta del parco regionale dei Sette Fratelli, fra i più estesi della Sardegna e dimora del cervo sardo e di aquile reali. 

Dal punto di partenza, raggiungiamo Ussana, ove si custodisce un antico sarcofago romanoquindi Serdiana, ove è presente l’interessante chiesa romanica di Santa Maria di Sibiola; da lì, tappa a Soleminis, da cui intraprendiamo un divertente tracciato curvilineo di campagna che ci condurrà alla Foresta Demaniale Campidano, la cui pineta, nota anche come Pineta di Sinnai, fu realizzata anche impiegando la manodopera di prigionieri austriaci della prima guerra mondiale. Inoltre, in località Bruncu Mogumu potremo visitare un interessante sito archeologico posto in posizione panoramica

Dalla foresta, ridiscendiamo fino a raggiungere l’importante centro di Sinnai, il cui territorio è ricco di nuraghi villaggi archeologici. Da Sinnai, procediamo ancora a Maracalagonisfino a raggiungere la famosa e antica strada statale 125 Orientale Sarda, la quale ci condurrà a sua volta ai piedi della catena montuosa dei Sette Fratelli. Dopo qualche chilometro, infatti, lasciamo la SS125 per raggiungere la bella cascata di San Pietro Paradiso, a carattere torrentizio e posta accanto a un bel laghettoOramai inerpicati in collina, continuiamo ad ascendere fino a raggiungere la solitaria  e suggestiva tomba dei giganti Sa Murta ‘e Pizzus. Poco distante, visitiamo l’altrettanto notevole tomba dei giganti di Is Concias. 

Proseguiamo ancora il sentiero, tra frequenti e bruschi tornanti, fino a raggiungere il curioso fungo di roccia in località Codoleddu e, successivamente, il grande nuraghe monotorre Sa Fraigada. Dal nuraghe, opzionalmente, potremo addentrarci lungo la foresta per visitare il notevole giardino botanico di Maidopis, suddiviso in quattro diversi tematismi. Accanto al giardino potremo visitare una vecchia caserma forestale e, poco distante, il nuraghe Monti Eccas e il curioso monumento granitico noto come pietra della Sfinge.

Ridiscendiamo poi verso la costa, per ammirare la spiaggia di Mari Pintau e la baia di Geremeas, una fra le più belle della costa e ove sfocia il rio Geremeas, che crea un piccolo laghetto a ridosso della spiaggia, dove è anche possibile trovare delle anatre.

Lasciamo Geremeas per avviarci alla foresta demaniale di Castiadas, una fra le più ampiemeglio conservate della Sardegna. Nella vicina Castiadas potremo poi visitare il complesso nuragico di S’Omu ‘e s’Orcu, il cui nuraghe è probabilmente il più grande di tutta la zona sud-orientale. Procediamo ancora fino al meraviglioso litorale di Costa Rei, per raggiungere la foresta demaniale di Capoferrato, che si estende in un’area prospiciente al mare dalla quale ammirare l’intero litorale

Procediamo quindi accanto alla notevole spiaggia di Feraxi e il suo stagno, passando poi per la piccola borgata di San Priamo, dalla quale poi intraprendere una fra le strade sarde più amate dai motociclisti: la Strada Statale 125 Orientale Sarda, nel tratto noto come Campuomu.  Affrontando un’infinità di curve tecniche, raggiungiamo la Grotta Fra’ Conti, dove si racconta vivesse un frate eremita, quindi raggiungiamo la chiesa di San Giuseppe Patriarca, parte di un piccolo convento di montagna, immerso nella foresta.

Da lì, raggiungiamo poi il museo del Cervo Sardo, ove è anche presente la sede del complesso forestale Settefratelli, quindi, procedendo la strada, visitiamo ancora il Nuraghe San Gregorio detto anche Sa Cruxi e, infine, il Nuraghe Cuccuru Gravellu.

Potrai visitare

  • La foresta demaniale di Campidano, e il sito archeologico da essa racchiuso, in posizione panoramica
  • La cascata di San Pietro Paradiso, in comune di Quartucciu
  • Le tombe dei giganti di Sa Murta ‘e Pizzus e di Is Concias, presso Maracalagonis Quartucciu
  • Il curioso fungo di roccia e il nuraghe Sa Fraigada, in territorio di Sinnai
  • Il giardino botanico di Maidopis, suddiviso in quattro differenti tematismi
  • Il monumento pietra della Sfinge e la stupenda baia di Geremeas
  • La foresta demaniale di Castiadas, una fra le più ampie meglio conservate della Sardegna
  • Il complesso nuragico di S’Omu ‘e s’OrcuCastiadas
  • La foresta demaniale di Capoferrato, dalla quale ammirare il meraviglioso litorale di Costa Rei
  • La famosa strada Campuomu, tra le più celebri fra quelle a vocazione mototuristica
  • Il museo del Cervo Sardo, accanto alla sede del complesso forestale Sette Fratelli
  • La grotta Fra’ Conti e il convento di montagna, sui monti dei Sette Fratelli

Potrai assaggiare

  • I vini Nuragus Girò
  • su Mazzamurru, pane secco bagnato con acqua e condito con pecorino e sugo di pomodoro
  • La gallina ruspante con ripieno di noci, uova, pangrattato, uva passa
  • La fregola cun cocciula, cucinata con arselle, e sa cassola, zuppa con vari tipi di pesci e servita in casseruole di coccio
  • Tante altre specialità

Mappa


Ricerca siti archeologici


Nuraghe
Domus de Janas
Dolmen
Tombe dei Giganti
Menhir
Villaggi
Culto delle Acque

- Mostra nomi sui punti

Meteo

dic 12, 2017 - mar
Castiadas, Italia
nubi sparse
14°C nubi sparse
Vento 1 m/s
Umidità 87%
Pressione 761.31 mmHg
Giorno Cond. Temp. Vento Umidità PressionePres.
mar dic 12
cielo sereno
14/14°C 4 m/s, S 94% 768.76 mmHg
mer dic 13
pioggia leggera
14/15°C 7 m/s, ONO 100% 776.08 mmHg
gio dic 14
nubi sparse
16/16°C 12 m/s, OSO 96% 772.96 mmHg
ven dic 15
pioggia moderata
16/15°C 12 m/s, OSO 96% 765.02 mmHg
sab dic 16
pioggia leggera
15/14°C 9 m/s, ONO - 761.56 mmHg

Profilo Altimetrico

Il percorso ha un dislivello di 723 m. Il 54% del percorso è in salita, il restante 46% in discesa.

Il complesso demaniale dei Sette Fratelli

Distanza (Km)
Altitudine (m)
Durata (h)

Vuoi unirti a noi?

Prenota ora!